Archivi tag: Tahiti

Il Ristorante “belvedere” a Tahiti.

Il ristorante “le Belvedere” non é il ristorante per chi cerca una cucina originale, una cucina di altissima qualità, un servizio degno di questo nome….il-truck-del-belvedere

ma é invece il ristorante ideale per passare una serata diversa, guardando, lontane, le luci della città di Papeete. Il ristorante panoramico, é situato a qualche km dalla città (7 km circa), sulla strada che porta al monte Aorai, davanti alla punta Venere.il-belvedere

Un servizio di trasporto con un vero truck é organizzato dal ristorante stesso, ed é incluso nel prezzo della cena. Il truck viene a prendervi in hotel previa prenotazione. La cucina presenta i piatti tipici della cucina internazionale ma é specializzata in fondute (di carne, di formaggio e frutti di mare) e raclettes. L’ora migliore é sicuramente al cala del sole, ed é per questo che la navetta passa spesso molto presto, verso le 18.30.la-vista-dal-belvedere1

Alcune Spiagge a Tahiti

Tahiti non é certamente l’isola che propone le spiagge piu belle della Polinesia, ma contrariamente a quanto si dice e si legge, alcuni posti simpatici dove fare snorkeling o stare al sole ci sono anche qui.plage-venus1236056565pk-18

La spiaggia lafayette, davantspiaggia-di-ciotolii al Radisson é una spiaggia di sabbia nera poco lontano dalla città. Vi si entra passando a lato del Radisson. La corrente e le onde sono abbastanza importanti da novembre a febbraio.

A nord dell’isola, al PK 10, a pochi chilometri dal Radisson la famosa spiaggia della punta Venere, o pointe Venus. Questa spiaggia compone parte della Baia di Matavai, dove attraccarono i grandi navigatori e il Bounty, e dove é girato l’omonimo film con Marlon Brando.  La sabbia é vulcanica, e quindi nera, i fondali sono sabbiosi, senza coralli quindi senza pesci. Sabato e domenica é la spiaggia delle famiglie, mentre in settimana é deserta. Purtroppo il comune di Mahina non pulisce sempre la spiaggia ed il sito come questi meriterebbe.   Ottimo lo snack Mama Eliza, all’entrata della spiaggia, vicino al faro.

Papenoo: Papenoo, al  pk 20, é uno spot di surf conosciuto e presenta una lunga spiaggia di ciotoli. Mare mosso, molti surfisti.spiaggia-lafayette

Nella parte sud ovest, le spiagge di sabbia bianca davanti al Meridien, del PK 18 e PK 18.5, sono probabilmente le piu belle dell’isola, benché molto frequentate il week end. Nuotando verso la barriera, lo snorkeling é molto bello e vario. Si vedono molti coralli, e pesci di ogni tipo. Nella spiaggia di pk18.5 chiamata anche Mahana Park, troverete anche un bar ristorante ed un bel giardino.

Al PK 36, la spiaggia nera di Taharuu, poco frequentata, ma lontana dalla città.  Anche qui, molto surf e mare mosso.

Hotels a Tahiti: Manava Suite Resort

ppt_manava041

Manava Suite Resort
Isola: Tahiti
Lato laguna
a 5 minuti circa dall’aeroporto

121 camere

Il Manava Suite Resort é situato a sulla laguna di Puunauia, a Tahiti, a 5 minuti circa manava-la-reception1manava1dall’aeroporto internazionale ed a 10 minuti dal centro città. Composto da 121 unità, questo hotel 4* propone una vasta scelta di categorie, quali le camere, le suites a due piani e gli appartamenti. In sintonia con le altre strutture del gruppo South Pacific Management (hotels Pearl) tutte le sistemazioni presentano una decorazione polinesiana, che si sposa con un comfort moderno, equipaggiamento high tech e angolo cucina moderna.


L’Hotel propone due bar, un ristorante, una sala fitness e la piu grande piscina Horizon, situata davanti alla laguna ed a Moorea.

L’hotel offre ai giovani sposi una bottiglia di champagne (50 cl) ed una perla nera nel suo scrigno.suite-laguna-manava2manava2

Servizi in hotel:
Babysitting a richiesta
Parcheggio gratuito
Business center
Affitto auto
Internet adsl e wifi nel lobby
2 bar
1 ristorante
Film alla domanda (a pagamento)

In camera
Ventilatore a soffitto
asse e ferro da stiro
Radiosveglia
Spazio cucina in tutte le categorie tranne nelle camere superior
Telefono diretto con messaggeria
TV schermo piatto e satellite
Bollitore, té e caffé.
Cassetta di sicurezza
Asciugacapelli

Attività in hotel
Manea Spa
Fitness
Ufficio escursioni
Piscina
Boccaglio, maschera e pinne

Categorie
Camere
Suite Studio Giardino
Suite Studio Laguna
Suite Giardino
Suite Laguna
Suite duplex una camera
Suite Duplex due camere



15 immagini quotidiane a Tahiti e nelle Isole, parte 3.

Tahiti é l’isola principale della Polinesia Francese, dove vive e lavora gran parte della popolazione, quella piu occidentalizzata.

Troverete in questo e nei due precedenti post alcune fotografie, immagini simbolo della vita quotidiana di laggiu,  un po’ come il piatto di pasta o la Vespa per noi italiani.

In questa piccola raccolta di scatti quotidiani,corned-beef2hinano1 non potevano mancare la birra Hinano e il Punu Pua Toro. Visto che li ho già descritti in altri due post… cliccate per scoprire HINANO PUNU PUA TORO

Carte telefoniche: benché il cellulare sia una passione dei locali e che le cabine telefoniche attirino sempre meno gente, le carte telefoniche OPT carta-telefonica-tahiti-3carta-telefonica-tahiti-2(le poste locali: www.opt.pf) sono sempre molto richieste dai turisti che vogliono evitare di avere brutte sorprese col telefonino, e dai collezionisti. Ne esistono diverse serie e sono ispirate dagli anniversari di date importanti, da personaggi (come Bobby Holcomb) o da avvenimenti (l’avventura del Kon Tiki).

RDO: se ascoltate le discussione tra le persone che lavorano a Papeete, in mattinata, sentirete sicuramente parlare di RDO (pronunciasi Erdeo) Sta per route degagement ouest, o via di sgombro ovest. La RDO é la strada che collega Papeete ai comuni di Faa’a, Puunauia, Paea, Papara, e cioé tutta la parte abitata a sud ovest (dove risiede gran parte della popolazione). La strada, rdoche dovrebbe essere veloce, é luogo, in mattinata di terrificanti ingorghi che diventano catastrofici quando piove o c’é un incidente, obbligando migliaia di persone a code che alcune volte possono durare 2 ore (per fare 5 o 6 km)…

Tessuti Hibiscus: Camicie, tende, divani o abat jour, coprisedili e borse, bermuda e libri:  i tessut con hibiscus stampati, piu o meno vistosi sono presenti in ogni luogo. Il fior d’hibiscus, tessuto-hibiscusla cui pianta detta Auti forniva anche corteccia per tapa, é uno dei piu diffusi, e la sua rappresentazione é veramente presente in ogni luogo.

Tupa o granchi di terra: nelle isole vedrete spesso lungo le strade, in zone sabbiose, numerosi buchi, alcuni ben piu larghi di un pugno. Sono i buchi dei tupa, o granchi di terra e di fango. Prima di essere commestibili devono essere nutriti con frutta e cocco per piu di un mese, per che la loro carne perda il sapore di terra. Attenzione se andate in macchina, atupa non schiacciarli, perché la punta delle chele puo’ perforarve le ruote. La zona commerciale di Maharepa ne é infestata. Come i gecki, sono del tutto innocui.

Crumble alla papaya

Volete stupire i vostri amici con una ricetta abbastanza semplice, e che ricorda le isole? Accattatevi il crumble alla papaya.papayapianta-di-papayavaniglia

E’ un dessert abbastanza facile da preparare, molto in voga a Tahiti, dove lo troverete in vari ristoranti.

Per 4 persone:
8 cucchiai di latte di cocco (si trova facilmente on scatola)
1 bella papaya
30 g di cocco grattugiato
100 g di farina
80 g di burro
30g di zucchero
2  baccelli di vaniglia
1 pizzico di sale

Mescolate farina, cocco grattugiato, lo zucchero, il sale, il burro (molle) e i baccelli di vaniglia tagliati a pezzetti. Lavorate ed ottenete una pasta omogenea.

Aprite la papaya in 2, eliminate i semi. Pelatela e tagliatela a lamelle fini fini. Disponete le lamelle sul fondo di un piatto per forno. Annaffiate col latte di cocco e coprite con la pasta.

Cuocere in forno a 210°per 20 min.

Servire tiepido, con un gelato alla vaniglia ed una coppa di champagne per accompagnare il tutto ed il gioco é fatto.

Crumble alla papaya

Volete stupire i vostri amici con una ricetta abbastanza semplice, e che ricorda le isole? Accattatevi il crumble alla papaya.papayapianta-di-papayavaniglia

E’ un dessert abbastanza facile da preparare, molto in voga a Tahiti, dove lo troverete in vari ristoranti.

Per 4 persone:
8 cucchiai di latte di cocco (si trova facilmente on scatola)
1 bella papaya
30 g di cocco grattugiato
100 g di farina
80 g di burro
30g di zucchero
2  baccelli di vaniglia
1 pizzico di sale

Mescolate farina, cocco grattugiato, lo zucchero, il sale, il burro (molle) e i baccelli di vaniglia tagliati a pezzetti. Lavorate ed ottenete una pasta omogenea.

Aprite la papaya in 2, eliminate i semi. Pelatela e tagliatela a lamelle fini fini. Disponete le lamelle sul fondo di un piatto per forno. Annaffiate col latte di cocco e coprite con la pasta.

Cuocere in forno a 210°per 20 min.

Servire tiepido, con un gelato alla vaniglia ed una coppa di champagne per accompagnare il tutto ed il gioco é fatto.

La famiglia Pomare.

pomare-4pomare-tomba-del-re-a-aruePrima dell’arrivo degli occidentali in Polinesia, non vi era una famiglia regnante: le isole erano divise in vari clan, i quali combattevano continuamente gli uni contro gli altri.

Tra questi clan, quello dei Pomare non era né il piu importante né il piu forte. Il capoclan, Tu, capi’ ben presto l’imprtanza delle armi occidentali e convinse gli ammutinati del Bounty ad unirsi a lui, nella sua lotta per il potere. Nel giro di pochi anni, la famiglia Pomare estese il suo potere su tutta Tahiti. Nel 1803, Pomare 2, figlio di Tu, diventa re.  Nel 1815,  si converte al cristianesimo e riceve quindi l’appoggio dei missionari protestanti installatisi a Tahiti. Durante lo stesso anno il suo potere si estende a tutte le isole della Società, e nel 1819, emette il codice di leggi che porta il suo nome, e che “occidentalizza” la Polinesia.  Muore nel 1821, probabilmente a causa dell’alcol. Suo Figlio Pomare 3 regnerà solamente 6 anni. Gli succede Pomare 4, giovane regina che regnerà 50 anni, la quale malgrado varie alleanze, non riusci’ ad impedire che le isole diventassero protettorato francese. Quando muore, sale sul trono Pomare 5, ubriacone e sfaccendato, che nel 1880 cede le isole della Società alla Francia.  pomare-il-palazzo-realePomare 5 riposa nella Tomba del Re a Arue, inizialmente prevista per sua madre. Da vero figlio disgraziato, fece spostare le ceneri della madre per appropriarsi la tomba. Sul tetto del monumento, una maldestra scultura a forma di urna assomiglia stranamente ad una bottiglia di liquore, probabile causa di morte dell’ultimo re polinesiano. Attuale portabandiera della dinastia, Joinville Pomare, oltre a reclamare, ovviamente, un ritorno al regime monarchico, é spesso nominato in varie inchieste che trattano di concussione e corruzione.